Webins News

Novità, fiere, manifestazioni

Come cambiano le crociere nel post covid
13 settembre 2020

Come cambiano le crociere nel post covid

Dopo un lungo lockdown, anche il settore delle crociere è ripartito: in Italia la prima a salpare il largo è stata la Crociera Grandiosa di MSC Crociere lo scorso agosto, mentre altre importanti compagnie crocieristiche, Royal Caribbean e Norwegian Cruise Line, hanno in progetto di ripartire nel mese di ottobre, scegliendo come destinazione le coste del Mediterraneo.

Il settore delle crociere ha subito molto il peso del lockdown e le restrizioni per il coronavirus, in quanto le navi sono state considerate luoghi ad alto rischio contagio a causa del numero elevato di di persone che possono ospitare e per gli spazi chiusi.

Tra i casi che hanno arricchito i notiziari ricordiamo quello della Diamond Princess, la nave da crociera che è rimasta in quarantena a largo delle coste giapponesi con quattromila persone a bordo, per dei passeggeri risultati positivi al covid-19.

Ma quali sono le misure di sicurezza che le compagnie crocieristiche hanno o dovrebbero adottare per risolcare i mari in sicurezza?

Le misure di sicurezza nelle crociere


Per poter ripartire in sicurezza, sulle navi da crociera dovranno essere rispettate le norme sanitarie a bordo, i passeggeri dovranno dichiarare di non aver soggiornato nei paesi ritenuti a rischio nelle due settimane precedenti all’imbarco e saranno vietate le escursioni libere a terra: si potrà scendere a terra solo con escursioni organizzate.

Ma quali sono le misure di contenimento che le compagnie crocieristiche dovranno rispettare e far rispettare a bordo?

Tra le principali misure figurano:
  • controllo della temperatura per i passeggeri;
  • sanificazione degli spazi;
  • sanificazione del sistema di filtraggio dell’aria negli spazi chiusi;
  • riorganizzazione degli spazi per evitare assembramenti;
  • riorganizzazione dell’area ristoro per evitare file al servizio di buffet;
  • gestione dell’imbarco dei passeggeri scaglionato.

Conclusione


Le misure di contenimento da adottare a bordo non nascondono rischi per le compagnie di crociera, per le quali la riduzione del numero di passeggeri e l’applicazione severa della misure di sicurezza possono diventare insostenibili dal punto di vista economico. A questo si aggiunge la scelta di sottoporre o meno i passeggeri al test sierologico, a seconda delle disponibilità di investimento in questo tipo di strumento di prevenzione del contagio della singola Compagnia.

Il settore ha voglia di ripartire e i numeri indicano chiaramente una necessità di riprendere il largo, visto che il lockdown e il blocco dei porti hanno portato a una perdita del 75% rispetto al 2019.

La crociera potrebbe essere un buon modo di viaggiare in questo particolare periodo. Sicuramente una polizza assicurativa a supporto del viaggio è uno strumento di grande rassicurazione per chi vuole scoprire nuove destinazioni in sicurezza, magari proprio a bordo di una nave.

Entra nel dettaglio della polizza IN VIAGGIO CON TE per saperne di più.




torna indietro