Webins News

Novità, fiere, manifestazioni

È obbligatoria l'assicurazione viaggio?
15 aprile 2019

È obbligatoria l'assicurazione viaggio?

Ogni volta che prenotiamo o organizziamo un viaggio per un Cliente ci chiediamo se è obbligatoria o meno l’assicurazione viaggio.

L'assicurazione viaggio è essenziale per qualunque tipo di vacanza, soprattutto se l’Agenzia si configura come organizzatore del pacchetto turistico. Non dimentichiamoci che la normativa “Codice del Turismo” obbliga l’organizzatore a fornire assistenza al Cliente/Viaggiatore e quindi il Cliente deve essere assicurato almeno con la polizza di assistenza.

Il Cliente, spesso, non è consapevole degli eventi che possono verificarsi durante un viaggio o una vacanza, soprattutto all’estero, ed è per questo che un professionista del settore dovrebbe sempre tutelarlo al meglio, suggerendogli una polizza di assistenza adeguata alla destinazione del viaggio che sta per intraprendere.

Anche fonti istituzionali come europa.eu suggeriscono vivamente di prendere in considerazione una copertura sanitaria anche per soggiorni di breve durata ed anche per un viaggio in uno dei Paesi Europei. Questo perché, la Tessera Europea di Assicurazione Malattia non copre per le operazioni di salvataggio ed il rientro anticipato o il rimpatrio. Ad esempio, qualora si avesse bisogno di richiedere il trasferimento gratuito in caso di grave incidente o grave malattia mentre ci si trova in un altro paese dell'UE, si avrà bisogno di una copertura assicurativa specifica.

Anche se, come doveroso puntualizzare, l’assicurazione viaggio non è obbligatoria, la destinazione del viaggio, può far sì che sia necessaria una polizza che copra le spese sanitarie. Sono quei Paesi in cui il Sistema Sanitario Nazionale è troppo costoso, come negli Stati Uniti, oppure è mediocre o addirittura assente, come in alcuni Paesi dell’Africa, in alcune regioni della Cina e dell’India. Per ovviare alle ingenti spese sanitarie in cui il turista in viaggio può incorrere, in caso di emergenza infortunio o malattia, è necessario stipulare un’adeguata copertura sanitaria.

Quanto è importante viaggiare assicurati?

Per ricordare quanto è importante viaggiare assicurati, possiamo fare alcuni esempi di Paesi come Cuba e Russia, in cui la polizza di assistenza sanitaria è condizione necessaria, per accedere nel territorio. È dunque obbligatoria.

In altri paesi ancora, invece, l’assistenza sanitaria è mediocre o addirittura assente. Sono quei casi in cui il Cliente/Viaggiatore che ha necessità di assistenza potrebbe essere trasportato in un altro Paese per averla, per via delle risorse scarse o inesistenti del Paese stesso. In quest’ultimo caso, rientrano alcuni Paesi dell’Africa, alcune regioni della Cina e dell’India

Nei Paesi classificati “a rischio” dal punto di vista sanitario, dalle nostre istituzioni, le strutture ospedaliere sono fortemente carenti o non esistono ambulatori adeguati agli standard occidentali, a volte si possono trovare ospedali militari internazionali, che però sono a pagamento per il personale civile ed offrono prestazioni mediche limitate alle emergenze. In alcuni di questi Paesi, sono ancora presenti malattie, ormai debellate da tempo in Italia. Spesso le condizioni igienico-sanitarie possono essere anche di pessimo livello. Brasile, Arabia Saudita, Afghanistan, Angola, sono stati i più nominati nei recenti casi di epidemie o malattie infettive. Per un elenco più completo e dettagliato, rimandiamo a fonti ufficiali come il SIMTI. In alcuni casi, l'acqua è disponibile solo tramite pozzi privati. In alcune zone, i medicinali non sono facilmente reperibili, e non di rado, risultano scaduti, contraffatti o di scarsa qualità. Le condizioni medico ospedaliere non sono adeguate all’emergenza. È qui obbligatorio munirsi di assicurazioni viaggio per le spese sanitarie.

Altre destinazioni turistiche, come gli Stati Uniti, contemplano servizi sanitari all’avanguardia, sicuri, di altissima qualità e professionalità e anche molto efficienti, ma con spese sanitarie di ricovero veramente ingenti quindi, per tutte quelle destinazioni in cui il Sistema Sanitario Nazionale è a pagamento, è necessario assicurarle prima della partenza, in modo tale da affrontare eventuali spese mediche senza problemi.

Quindi il mio cliente deve obbligatoriamente avere una copertura sanitaria?

SI, per una maggiore serenità del viaggiatore è necessario avere una polizza sanitaria! Non è un obbligo per il Viaggiatore ma è la prima cosa che un professionista del settore turistico deve consigliare, per far partire tranquillo il proprio cliente, insieme alla prenotazione del viaggio.

Per quali tipologie di viaggio è consigliabile aderire ad una polizza assicurativa?

L’adesione ad una polizza assicurativa è sicuramente consigliabile per questi tipi di viaggio:

  • Soggiorni di lunga durata, quale ad esempio un viaggio studio;
  • Soggiorni in Paesi classificati “a rischio” dal punto di vista sanitario, per l’esistenza di malattie contagiose, come il colera, la malaria, la febbre gialla;
  • Soggiorni con attività di tipo ludico/sportive, come le vacanze sulla neve e in montagna, vacanze di culturali e viaggi di fede; in cui è assicurata anche l’attività sportiva praticata;
  • Soggiorni scolastici o viaggi d’istruzione;
  • Viaggi avventura, escursioni o safari.
Webins ha una copertura per ognuno di questi viaggi. Scoprile tutte sul nostro portale.

Webins ti propone le migliori coperture sanitarie a seconda della destinazione del cliente.

Scopri tutte le polizze assistenza e spese mediche di Webins e scegli quella con i massimali più adeguati al viaggio del tuo Cliente.




torna indietro